news

NON più SOLI

NON PIÙ SOLI

IL PROGETTO E GLI INCONTRI FORMATIVI

Il nuovo progetto NON PIÙ SOLI, promosso dalla cooperativa Progetto Solidarietà grazie al cofinanziamento della Fondazione Cariverona, mira a garantire sostegno ai familiari dei malati di Alzheimer attraverso  una serie di azioni di supporto psicologico e relazionale, a titolo gratuito.

L’assistenza alla persona malata di Alzheimer richiede un grande impegno ed è un compito estremamente difficile e gravoso che espone il familiare ad elevati livelli di stress, emotivo e fisico.        
L’esperienza maturata negli anni, il contatto e lo scambio con le tante persone e le loro famiglie hanno reso evidente alla cooperativa Progetto Solidarietà che prendersi cura del malato non può prescindere dal prendersi cura del suo familiare e fargli sentire che “non è più solo”.         
Il progetto NON PIÙ SOLI è qui che si inserisce. La richiesta di interventi è silenziosa e discreta da parte delle famiglie coinvolte ma le esperienze raccolte e le offerte promosse dalla cooperativa, che da anni si occupa di Alzheimer, con la collaborazione dell’associazionealzheimer senza paura”, hanno fatto riscontrare quanto fosse urgente e necessario il potenziamento di servizi e di supporti  dedicati ai familiari.

NON PIÙ SOLI prevede di coinvolge attivamente circa 30 nuclei familiari presenti sul territorio del Comune di Senigallia. È previsto un incontro dedicato alla presentazione del progetto, a cui i cittadini sono invitati a partecipare, per conoscere le opportunità offerte dal Progetto.          
Per dare ascolto alle esigenze di tutti, gli incontri si svolgeranno in luoghi diversi e logisticamente strategici della città: venerdì 10 febbraio presso l’Oratorio della Cesanella, lunedì 13 presso il Centro Sociale Saline e il successivo giovedì 16 presso la sede della cooperativa Progetto Solidarietà in via Raffaello Sanzio 207/1. Gli incontri presieduti dalle psicoterapeute e dal responsabile della associazione dei familiari “alzheimer senza paura” si terranno alle ore 17,30.

Gli interventi messi in campo dal progetto sono tanti, di sostegno e di formazione. Gli uni non escludono gli altri e la partecipazione è libera e gratuita.

Gli interventi di sostegno, sono articolati in più proposte:         
- incontri con psicoterapeuti, rivolti al singolo nucleo familiare, mirati ad accompagnare la famiglia verso l’accettazione della malattia e l’ascolto del proprio vissuto emotivo.             
- incontri di gruppo, guidati da psicoterapeuti, finalizzati alla condivisione delle esperienze vissute, al confronto e allo scambio delle informazioni;      
- consulenza a domicilio, per migliorare l’adattamento dell’ambiente domestico, e offrire indicazioni concrete di aiuto nell’approccio al malato e nell’organizzazione delle sua giornata.

Gli INCONTRI FORMATIVI sono invece finalizzati a fornire competenze sul piano assistenziale, relazionale e comportamentale.

Tre gli appuntamenti, dalle ore 17 a Senigallia, in via Raffaello Sanzio n. 207/1, presso la sede della cooperativa Progetto Solidarietà, gli stessi locali de il Caffè Alzheimer.

Giovedì 9 novembre il tema trattato sarà quello dell’AREA SALUTE: Marta Paolini, infermiera professionale coordinatrice presso l’Opera Pia Mastai Ferretti offrirà utili informazioni per assistere, a casa propria, il malato di Alzheimer. Parleremo di alimentazione, igiene personale e mobilizzazione.

Giovedì 16 novembre affronteremo il tema dell’AREA RELAZIONALE COMPORTAMENTALE. A guidare l’incontro saranno Amanda Fiorani, educatrice professionale e Paola Tonini Bossi, consulente Alzheimer della cooperativa Progetto Solidarietà e coordinatrice del Caffè Alzheimer. Affronteremo la gestione della quotidianità: come organizzare l’ambiente in casa, quali attività svolgere al fine di stimolare e mantenere attive le capacità residue del malato.

Giovedì 23 novembre approfondiremo la questione della relazione con la persona malata di Alzheimer. Con le psicologhe e psicoterapeute Barbara Fontana – coordinatrice del Centro Diurno Il Granaio – e Claudia Fraboni – responsabile e referente del progetto Non più Soli-, discuteremo come gestire e prevenire le problematiche affettive e comportamentali.

Non poteva mancare, nell’ambito del progetto, la proposta degli Incontri al Caffè Alzheimer, servizio, per così dire “antico”, attivo fin dal 2009 , occasione in cui riscoprire momenti di allegria e spensieratezza con il proprio familiare malato e ritrovare relazioni e vivere scambi amicali.

Per informazioni, è possibile contattare il coordinatore di NON Più SOLI al n. 3351741152, dal lunedì al venerdì  dalle ore 9 alle ore 13.



nonni in arte 2017

Nonni in arte – Edizione 2017

nonni in arte 2017Sabato 24 giugno alla Casa di Riposo Lavatori-Mariani si è tenuta la tradizionale festa di inizio estate. Le porte sono state aperte alla cittadinanza, agli amici e ai familiari degli ospiti che per l’occasione hanno allestito una piccola “Pasticceria dei Nonni”.

Sotto la guida della cuoca Giovanna e coordinate dalla preziosa Agnese, che – con la Progetto Solidarietà cura l’animazione della Casa di riposo - alcuni degli ospiti si sono impegnati nella realizzazione e nella produzione di biscotti: alla pastafrolla, con granella e cioccolata, e al vino, belli e gustosi.

All’opera anche il signor Mario – già fornaio a Passo Ripe, che con i suoi 95 anni vanta anni e anni di esperienza preziosa. Quinta, Palmina, Bice e Luciana si sono prodigata a fare l’impasto, a stenderlo con il mattarello e a preparare le teglie da infornare, dopo il tocco decorativo di Stefano. Gina si è unita al gruppo per il confezionamento dei sacchetti destinati alla vendita. E chi non ha concretamente contribuito alla realizzazione, ha comunque potuto assaggiare in anteprima i biscotti destinati alla festa di sabato scorso.

La festa è stata bella e partecipata: alle 17, don Paolo Campolucci, parroco di Trecastelli ha celebrato la messa prefestiva nel refettorio – animata da Rinaldo alla tastiera, e davvero tanti erano i presenti.

nonni in arte 2017 nonni in arte 2017

Il ricavato della vendita dei biscotti (andati a ruba!) permetterà di acquistare altro materiale per l’animazione. Chissà cosa altro organizzeranno, quei bravi “ragazzi” ….

Nonni in arte 2016

nonni in arte 2016ARTIGIANI D'ARTE E DI FESTA

La Casa di Riposo Lavatori – Mariani anche quest’anno ha partecipato alla tradizionale iniziativa  “Arti e Mestieri” che la pro Loco di Ripe-Trecastelli organizza all’inizio dell’estate: la casa di riposo è presente sul territorio e ha voluto esserci e metterci del suo. Per questa edizione ha allestito una bancarella nei propri giardini, con i manufatti realizzati dagli stessi ospiti della struttura sotto la supervisione di Agnese Rossini, educatrice appassionata della Cooperativa Progetto Solidarietà.

Le signore (Paola sarta di professione, Luciana, Bice, Rina, Lida e Angelina sarte per passione) nei mesi scorsi hanno confezionato, con semplice materiale di recupero, delle vere chicche.
Partendo dalle spalline di gommapiuma, hanno magicamente realizzato degli eleganti e sfiziosi cappellini da cerimonia e, per soddisfare quanti hanno gusti più sobri, hanno creato delle spille, pur sempre vistose ed importanti.

allo specchio1allo specchio2

Gli uomini non sono stati da meno: Evaristo e Giuseppe hanno utilizzato il compensato, l’hanno tagliato, assemblato e poi dipinto per realizzare delle simpatiche casette porta chiavi.
Gli stessi Giuseppe ed Evaristo, coadiuvati dall’infaticabile Ferruccio, hanno recuperato le assi delle cassette delle patnonni in arte 2016ate, le hanno trattate con il mordente e infine hanno creato dei bei pannelli porta foto.
Per il decoro della bancarella dove sono stati esposti i preziosi manufatti, sono state realizzate delle  girandole di carta e sulla scia di un racconto di Ferruccio, sono stati confezionati due “bellissimi” spaventapasseri.

nonni in arte 2016nonni in arte 2016

Sì, bellissimi, perché Gelsomina e Arturo, come sono stati simpaticamente battezzati da Giuseppe, lo sono davvero: nel loro abbraccio, nei loro sorrisi grandi pronti ad accogliere i tanti familiari che hanno preso parte al pomeriggio di festa.

La nonni in arte 2016serata è stata speciale anche grazie al contributo degli amici del “Coro del ’62 e dintorni” che hanno cantato e ballato sulle canzoni che sono ci più care, ai familiari, agli ospiti e al personale della Casa di Riposo. Grazie a tutti. È stato bellissimo.

 

 

Rassegna stampa:

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2016/2017

ELEMENTI ESSENZIALI

DEL PROGETTO

per svolgere il Servizio presso la Progetto Solidarietà

TITOLO DEL PROGETTO:

ANZIANI NELLE MARCHE

SETTORE e Area di Intervento:

A01 Assistenza Anziani

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Favorire l’integrazione sociale degli anziani, mantenendone le capacità residue e valorizzandone la personalità, aumentando l’autostima.Potenziare le attività di animazione e socializzazione mirate; promuovere sani stili di vita.
Personalizzare e ampliare l’offerta di servizi domiciliari e di cura per i malati di Alzheimer (solo nella sede di Senigallia). Apportare valore aggiunto al servizio offerto dai Centri.

ATTIVITÁ D'IMPIEGO DEI VOLONTARI

Affiancamento degli operatori nelle attività: di accoglienza; animazione; di laboratorio; accompagnamento; ricreative; di progettazione, pianificazione, e verifica in equipe degli interventi. Partecipazione ad eventuali gite o soggiorni di vacanza.

CRITERI DI SELEZIONE

Sistema di reclutamento e selezione accreditato UNSC

CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:

30 ore settimanali di servizio distribuite su 5 giorni la settimana.Impegno eventuale nei fine settimana per feste/gite organizzate dalla sede.
Disponibilità a partecipare ad eventuali gite di un giorno o soggiorni di vacanza di 3-7 giorni

SEDI DI SVOLGIMENTO e POSTI DISPONIBILI:

Il progetto prevede 8 posti di servizio civile distribuiti in 3 sedi:

- 4 posti ad Ancona, presso Centro Diurno coop. Amore e Vita, via Cupa di Posatora 1

- 2 posti a Senigallia, presso coop. Progetto Solidarietà

- 2 posti a Macerata (MC) presso Casa di Riposo coop Betania, via dell’acquedotto 116

CARATTERISTICHE CONOSCENZE ACQUISIBILI:

Acquisizione di capacità e competenze relazionali nel rapporto con gli anziani, con i familiari, nel lavoro di équipe; capacità e competenze organizzative attraverso il lavoro di gruppo rivolto all’utenza o alla cittadinanza; capacità e competenze relazionali professionali e tecniche nella stesura di percorsi e trattamenti individualizzati.

FORMAZIONE SPECIFICA DEI VOLONTARI:

72 ore di formazione specifica erogata da formatori esperti sulle seguenti tematiche:Organizzazione del servizio e della sede di attuazione di progetto; conoscenze dei bisogni del territorio di riferimento; programmazione delle attività e modalità per l’attuazione del progetto; formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile; percorsi e trattamenti individualizzati; i mille aspetti della terza età, tappa fisiologica della vita – Quadro delle patologie legate alla senilità; dinamiche di équipe e di gruppo; come progettare e realizzare attività sul territorio.
Erogazione del 70% delle ore entro il 90° giorno dall’avvio del progetto e il 30% delle ore entro il 270° giorno dall’avvio del progetto. Formazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in servizio civile erogata entro i primi 90 giorni dall’avvio del progetto.

clicca qui per i MODULI DOMANDA!

DOVE PRESENTARE DOMANDA ENTRO LE ORE 14 DELL'8 LUGLIO:

Confcooperative Marche
Via Valenti 1
60131 Ancona

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

CONTATTI:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.confcooperative.marche.it

cell. 366 5271809

 

 

Festa in Maschera 2016: un successo

festa in maschera 2016

Dobbiamo ringraziare tutti,
Ma proprio tutti: i musicisti e i figuranti, i danzatori e i fotografi, gli organizzatori e i sostenitori.
In particolare loro...le "ragazze" de Il Centro Diurno Il Granaio che hanno davvero organizzato ogni dettaglio con cura, passione e amore.

Un mare di gente. Quella che è venuta alla grande Festa in Maschera alla Rotonda lo scorso lunedì 8 febbraio. Un successo di cui tutta la cooperativa ha goduto. In immagine, in pubblicità, in allegria.

All’apertura sono intervenuti anche il Sindaco e i suo Vice: difficile dire di no alla nostra Anna Gobbetti che si è fatta portavoce non solo del nostro caffè Alzheimer ma anche della associazione “alzheimer senza paura”e dell’Anteas, a dimostrazione che agire insieme è una carta vincente.

Una strepitosa seconda edizione che ci ha messo in allarme: la Rotonda è quasi troppo piccolaper noi!

Un ringraziamento particolare va ovviamente ai nostri ospiti:

festa in maschera 2016 Bobo e i senza vergogna

al gruppo dei“Bobo e i Senza Vergogna

nonché al “Coro del ’62 e dintorniStrepitosi e contagiosi. Musica e ironia ma sempre con garbo e tanto affetto. Che si è sentito. Che ormai ci lega.festa in maschera 2016 Coro del '62 e dintorni

Altrettanto bravi la Compagnia del Solstizio del Mediterraneo di Fano: coinvolgenti, emozionanti e festosi con i loro foulard colorati.

compagnia del solstizio del mediterraneo

I nostri piedi si muovevano da soli. Inutile resistere. E tutti hanno ballato. Gli anziani della Casa di Riposo di Morro d'Alba con le loro maschera da indiani, i nostri cari smemorati con i loro familiari. E poi bambini, tanti. Ognuno con travestimenti a dir poco originali.

Un pomeriggio indimenticabile immortalato da numerosi fotografi presenti in sala: un capolavoro di foto. Che meraviglia di festa. Grazie! W la cooperativa!

E se volete ubriacarvi di foto...clicca qui!

Altri articoli...

Pagina 1 di 2

Inizio
Prec.
1

Seguici su facebook

dalla bachca del nostro ufficio...

inaugurazione sedelocali coop

images

CENTRO DIURNO Alzheimer: "Il Granaio" dal 2003 una preziosa risorsa del nostro territorio

Leggi Tutto

Images

CAFFÈ ALZHEIMER Un luogo di incontro per familiari, malati di Alzheimer, operatori

Leggi Tutto

images

PASS Punto Assistenza: servizi domiciliari personalizzati per gli anziani

Leggi Tutto

Validazione HTML • content design by logo macro